Società

Ebbene si. Anche i designer pensano. E quale miglior palestra progettuale se non quella di rifare la società che ci circonda di sana pianta?

Volete davvero che continui la voragine Alitalia?

E' ora di dire basta a questo spreco senza fine

LEGGI

Piazzale Aldo Moro

Anche nel centro di Torino rimangono aree tristemente abbandonate all'incuria

LEGGI

Darfur is dying

Un nuovo filone di giochi sta prendendo piede. Il gioco etico.

LEGGI

Caro Assessore (uscente) Ortolano

Siamo a nove mesi dalla mia prima lettera ed a sei dalla seconda e l'assessore latita ancora

LEGGI

Io (non) sono Valsusino!

Una risposta argomentata alla newsletter di Beppe Grillo a proposito della TAV in Valsusa

LEGGI

"Torino sta sempre ferma"

E' singolare che il Toroc ed il Presidente della Provincia si lamentino per il poco attivismo nei confronti delle Olimpiadi

LEGGI

Dilettanti allo sbaraglio

Esiste chi riesce a trasformare il campanilismo più estremo nel suo opposto. Ad esempio la Giunta di Torino.

LEGGI

Lettera aperta a Dario Ortolano (2)

Vista la mancata risposta insisto. Anzi, già che ci siamo, rincaro la dose

LEGGI

Che succede ad Addis Abeba?

Quale realtà si nasconde dietro i drammatici disordini dei giorni scontri ad Addis Abeba?

LEGGI

All'attenzione dell'Assessore Ortolano

Ma ecologia ed ambiente contano solo per alcuni luoghi ed alcune persone?

LEGGI

La città delle tre scimmiette

Che a livello nazionale ci sia la "stagnazione" o che si tratti invece di "recessione", a Torino siamo direttamente sull'orlo del baratro

LEGGI

Catastrofismi

Quando si parla del futuro di Torino è difficile riuscire ad esprimersi in termini positivi

LEGGI

L'autostrada delle sabbie

Un inquietante autostrada in costruzione nel sud della Libia

LEGGI

Locuste e collaborazione

Quando le catastrofi naturali fanno più della diplomazia tradizionale

LEGGI

Nuovo Cinema Urbani

Un D.L. che non rende giustizia alle indubitabili doti di serietà del Ministro Urbani

LEGGI

Lettera ad un amico blogger

Prendo spunto da uno scritto di un amico per evidenziare un pericolo di falsa interpretazione della realtà

LEGGI

Fuga dall'Africa: la via dei disperati (5)

Sessanta camion di cocaina per l?Italia al confine tra Niger e Libia. I clandestini rendono più di due milioni di euro al mese

LEGGI

Fuga dall'Africa: la via dei disperati (4)

In migliaia perdono tutto e si fermano a Dirkou cercando i soldi per il viaggio Gli uomini costretti a lavorare per un pugno di riso, le ragazze diventano prostitute

LEGGI

Fuga dall'Africa: la via dei disperati (3)

Parlano inglese e sanno usare Internet: anche per questo la polizia li massacra di botte. Nell?ultimo mese in 15 mila sono partiti per l?Italia lungo l?antica rotta delle carovane

LEGGI

Fuga dall'Africa: la via dei disperati (2)

Dal Senegal al Mali, 3 mila persone stipate in 11 vagoni partono per il sogno dell'Europa. E di notte arrivano i banditi

LEGGI

Fuga dall'Africa: la via dei disperati (1)

in viaggio con i clandestini sulle piste del Ténéré e del Sahara tra incidenti, violenze e dolore.

LEGGI

Lettera ad un amica "no global"

Perché non sono sfavorevole alla globalizzazione

LEGGI